martedì 1 marzo 2016

Giovanni Paisiello celebrato a Taranto - Reportage -


Cerimonia inaugurale dell’anno Paisielliano venerdì 26, al Circolo Ufficiali di Taranto, in occasione del bicentenario dalla morte del compositore tarantino Giovanni Paisiello.
Il Comitato del progetto “Taranto 2016 anno Paisielliano” costituitosi per l’occasione, ha individuato nell’avvocato Vincenzo Gigante la giusta figura di riferimento cui affidare il ruolo di Presidente, mentre il vice presidente è il prof. Domenico Rana, a sua volta presidente dell’Istituto musicale intitolato all’illustre compositore . Il comitato Artistico- Scientifico è composto da Paolo Ruta, Presidente della storica Associazione Musicale “Amici della Musica Arcangelo Speranza”, dal Maestro Lorenzo Fico (Presidente) e dai Maestri Lorenzo Maffei e Piero Romano dell’Orchestra Magna Grecia. Tra gli obiettivi che il Comitato si pone oltre ai festeggiamenti, riveste particolare importanza l’attenzione riservata alla necessità di statalizzare l’Istituto Superiore di Studi Musicali Giovanni Paisiello, per garantire la sopravvivenza della storica istituzione oltre che i posti di lavoro del personale docente e dei collaboratori. Il Paisiello conta oltre cinquecento allievi iscritti, provenienti anche dalla Basilicata e dalla Calabria.
 “Le manifestazioni – ha dichiarato l’assessore Mino Ianne – si svolgeranno nell’arco di dieci mesi e Taranto dedicherà tutte le sue energie per cogliere questa occasione di rivitalizzazione culturale e di rilancio della città e di tutto il territorio improntato sulla figura di questo grande personaggio della musica e della cultura. Taranto è inserita in un progetto di respiro nazionale e internazionale, pertanto l’amministrazione comunale, che ha già dato il suo formale patrocinio, si impegnerà al massimo per non perdere questa importante occasione”.
 Il Comitato di Taranto, assieme a quello di Napoli, ha aderito al Comitato Nazionale , presieduto dal Maestro Riccardo Muti.
Un’intensa collaborazione è iniziata già con Napoli, la città dove Paisiello compì gli studi ed esercitò per lungo tempo la sua attività; sono previsti scambi culturali anche con San Pietroburgo dove Paisiello soggiornò per alcuni anni ricoprendo prestigiosi incarichi per conto della zarina Caterina II° di Russia.


Domenico Rana ha sottolineato lo stato di abbandono in cui versa la casa natale di Paisiello, ubicata nei pressi della chiesa sant’ Andrea degli Armeni, e si è impegnato affinché inizi il restauro sia della casa che del secondo piano dell’edificio che ospita l’Istituto musicale, e per il quale sono stati stanziati duecentomila euro.
Nei giorni scorsi rappresentanti istituzionali, referenti di associazioni culturali e semplici cittadini si sono riuniti presso il Teatro Orfeo, generosamente messo a disposizione dai titolari, i fratelli Luciano ed Andrea Di Giorgio per protestare contro la ventilata chiusura del nostro Conservatorio attraverso un gradevolissimo concerto tenuto dagli stessi alunni e docenti, cui si sono unite le voci degli intervenuti e dei personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo che hanno testimoniato attraverso simpatici videoclip.
Una città per il proprio Conservatorio ma anche per la giusta visibilità al proprio musicista.
Le manifestazioni celebrative organizzate dal comitato si svolgeranno, oltre che a Taranto, anche a Napoli, Milano e San Pietroburgo. Il programma completo è consultabile sul sito: http://www.comitatopaisielliano2016taranto.it/
Daniela Gerundo

0 commenti:

Posta un commento

Lascia il tuo commento a questo POST o, meglio ancora, la recensione allo spettacolo dopo che lo avrai visto!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...