venerdì 6 marzo 2015

Leroy Emmanuel in concerto al Moody jazz cafè di Foggia


Oggi ho fatto una bella scoperta: Un nuovo locale/organizzazione che si occupa di concerti in Puglia.
Il Moody Jazz Cafè di Foggia. Il cartellone con gli eventi proposti e la lunghissima tradizione alle spalle (oltre dieci anni di programmazione) rendono ancora più evidente la grave mancanza del mio blog nel non aver segnalato prima questa bellissima realtà. Ma, come si dice in questi casi, meglio tardi che mai ed eccomi qui oggi pronto a segnalarvi i prossimi due concerti in programma:
Il primo appuntamento è quello del prossimo 14 Marzo che si terrà presso la Masseria Mustazzo, quindi non presso il locale ma in un ambiente diverso. L'evento, che comunque nasce sotto la direzione artistica del Moody jazz cafè, sarà ospitato da questa location che oltre a fornire la perfetta cornice al concerto offrirà anche la possibilità di degustare i piatti dello chef Nicola Russo del ristorante Al Primo Piano.
Gli ospiti della serata saranno il pianista americano CRAIG HARTLEY accompagnato da Giuseppe Venezia al basso ed Elio Coppola alla batteria.

Hapax Live a Bari il 1 Marzo 2015 - Reportage -

La settimana scorsa a Bari si è tenuto il concerto degli Hapax di cui vi avevo parlato come di un evento imperdibile e raro. Con grande piacere ho ricevuto e pubblico la recensione e le foto di un grande appassionato del genere Dario Camasta che è stato al concerto ed ha voluto condividere l'esperienza con il blog inviandoci le sue foto e la sua personalissima recensione:


COLD SOUNDS
domenica 1 marzo 2015

HAPAX Live @ Tatì RistorArt, Bari


Cold Sounds, il cui deus ex machina è Manuel Girone, già presidente del Fan Club italiano The Magazine, ed attivo da oltre 10 anni nell'organizzazione di eventi che gravitano intorno al mondo Depeche Mode, si prefigge il compito di diffondere anche qui in Puglia il "verbo" della Minimal Wave, un nome che, negli ultimi 3/4 anni ha riportato in auge sonorità del passato piuttosto di nicchia, ma estremamente affascinanti come la cold wave, la minimal synth, la proto-ebm; per intenderci, trattasi di quel sound tipicamente anni 80 (generalmente prima metà di quel decennio), caratterizzato da vocals distanti, malinconiche o robotiche e da gelidi strati di synth, il tutto condito da quell'attitudine post punk/wave propria di quell'indimenticabile periodo. Nomi come The Soft Moon, Cold Cave, Martial Canterel, Xeno & Oaklander, Lebanon Hanover, Led Er Est e i più gotici She Past Away, stanno facendo della Minimal Wave uno dei generi di "revival" più intriganti degli ultimi tempi, forse perchè più underground rispetto alla prima ondata, risalente all'inizio del 2000, 
composta da nomi altisonanti come Interpol, Editors e The Killers.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...