lunedì 30 dicembre 2013

"La colonna sonora perfetta" con Paola Arnesano al Teatro Duse di Bari dal 28 gennaio al 16 febbraio 2014

Tra le tante e interessantissime proposte in cartellone nella Stagione 2013 - 14 del Teatro Duse di Bari lo spettacolo "La Colonna Sonora Perfetta" è quello che ha attirato l'attenzione del Blog ed il primo che raccomandiamo a tutti.
Sarà stata la partecipazione di Paola Arnesano, che infinite volte abbiamo seguito nei suoi splendidi concerti jazz, o la curiosità destata dal bellissimo video "trailer" dello spettacolo ma il desidero di assistere ad una delle repliche è divenuto irrefrenabile.



"La colonna sonora perfetta"

Prodotto da LA COMPAGNIA DEL DADOTRATTO
Diretto da Ebe Guerra
Con la partecipazione di Paola Arcieri, Roberta Costantini, Annalisa Mondino, Paola Arnesano, Carla Bavaro/Gabriella Damiani, Marco Vino/Francesco Contessa

Simona è una ex cantante, nevrotica e volubile, abituata ad ottenere sempre tutto ciò che vuole. Profondamente delusa dalle sue storie d'amore passate, crea un mondo virtuale, Camille,  in cui continuare a vivere al riparo dai rischi, delusioni e preoccupazioni. Il computer diventa la sua vita, la sua memoria, la sua unica fonte di svago, l'unico luogo in cui agisce e vive nel ricordo dei suoi amori andati.

Quando improvvisamente tutto questo svanisce, si sente persa, devastata.

Con l'aiuto di Iris, la sua migliore amica, Simona elabora un piano per tentare di recuperare tutti i ricordi legati alle sue storie d'amore passate e ritornare finalmente a vivere nel suo meraviglioso mondo virtuale.


Locus Winter 2013 Reportage


Si è conclusa l'edizione invernale del Locus Festival. Uno dei festival che più ci appassiona si è rivelato, nella sua veste invernale, all'altezza delle magnifiche edizioni estive. Grazie a Marilena Lerario abbiamo le foto del concerto conclusivo e la sua puntuale e personalissima recensione:



LOCUS WINTER LOCOROTONDO 29-12-2013
Chiesa della Madonna della Greca: Gianluca Petrella trombone, Giovanni Guidi pianoforte in "Soupstar".
Un sodalizio che si regge su una evidente sintonia umana..Penso che Petrella abbia raggiunto lo zhenit della sua carriera artistica, un suono ricco di sorprendenti momenti di improvvisazioni di grande lirismo.
Un vanto pugliese che ha collezionato nel corso della sua carriera, una serie di collaborazioni col gotha del jazz internazionale.
L'energia che diffonde conferisce una dinamica giocosa, godibile e convincente, una creatività fuori dal comune e di un controllo quasi fisico dello strumento.
A meraviglia funziona la sua collaborazione con il pianista Guidi, un feeling ben percepibile che li accomuna sia per la voglia di sperimentare che per l'evidente talento.
Un Petrella che suona e travolge,colora i suoni.,un concerto di alta qualità emotiva ed artistica, originale e creativo, l'ideale per liberare le nostre emozioni. Passionale e appassionante.











Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...