mercoledì 2 gennaio 2013

10 Gennaio '13 Jon Cowherd's Mercy Project LIVE a Gioia del Colle (BA)


La programmazione del Ueffilo a Gioia del Colle di quest'anno è così intensa e tanto interessante da capitare più volte nel mio BLOG.

Sono moltissimi gli eventi che meriterebbero di essere menzionati e se dipendesse da me non perderei nemmeno un concerto!

Il primo in ordine di tempo si terrà il 10 Gennaio ed è uno di quei concerti che gli amanti del Jazz non dovrebbero perdere a nessuno costo:
Il Jon Cowherd’s Mercy Project  che il Corriere del Mezzogiorno  descrive in una  splendida recensione  
come uno dei concerti evento di questo inverno sarà una vera e propria delizia per gli amanti del genere. Previste ben due date in Puglia nel Tour Europeo che prevede sette concerti, tre in Italia e ben due, appunto, in Puglia!
Il 9 Gennaio saranno a Foggia al Moody Jazz Cafè mentre il 10 al Ueffilo Club di Gioia del Cole (Ba).






Una visita al sito ufficiale del  Jon Cowherd's Mercy Project è davvero una tappa che vi consiglio, ricchissimo di video e di tracce da ascoltare per diletto e per decidere, laddove abbiate ancora dubbi, sulla eventualità di andare a sentirli. 



Si presentano in formazione quartet:

Jon Cowherd al pianoforte,
Steve Cardenas alla chitarra,
John Patitucci al contrabbasso
Brian Blade alla batteria


Altro concerto che vi ho già segnalato più volte sarà quello del 18 Gennaio con Israel Varela che sembra aver trovato un feeling speciale con la Puglia e che dopo il  concerto del 24 Novembre scorso all'Enoteca del Jazz di Molfetta sarà con noi per altre due date in quest'inizio del 2013. Della prima vi ho parlato pochi giorni fa ed è quella del 17 Gennaio a "Le Officine del Sapere" di S. Vito dei Normanni (BR) la seconda quella al Ueffilo del 18 Gennaio. 


Ueffilo Music Club & Restaurant - Via Donato Boscia 21, Gioia del Colle (BA) - Tel. 080/3430946 - E-mail:info@ueffilo.com

Buoni concerti a tutti!!!


26 Gennaio '13 Fabio Concato LIVE a Bari


Fabio Concato è uno di quelli che fanno grande la musica Italiana. Ricordo un suo concerto di molti anni fa a cui andai per sentire i suoi successi più grandi, primo fra tutti "Fiore di Maggio". Mi ritrovai invece ad assistere ad uno spettacolo che andò ben oltre le sue splendide canzoni. Lui quasi interpretando lo stupore della maggior parte del pubblico si affrettò a spiegare in un delizioso e artificiale dialogo con i membri della sua band che quella sua particolare abilità nell'intrattenere il pubblico era quel che rimaneva dei suoi primi debutti sul palcoscenico quando invece di cantare faceva il cabaret in locali come il "Derby" di Milano quando, negli anni '70 non era una rarità che gli artisti alternassero sul palco le canzoni alle barzellette.

Un altro motivo per andare al concerto di Fabio Concato è in una sua recente intervista a Radio DeeJay quando a Linus che gli chiedeva il motivo di una pausa di 11 anni fra il suo penultimo CD e quello appena uscito lui ha candidamente ammesso che l'unica ragione per cui ci ha messo tanto è che "non era ispirato" che non aveva niente da dire e che era in preda alla sindrome da "foglio bianco". 

Dichiara inoltre di essere riuscito a sopravvivere al suo blocco grazie alla famiglia  "ad altre cose in cui si è affaccendato"  e grazie alla musica e ai concerti che non ha mai smesso di tenere grazie alla "valigia di successi" che sopravvivendo alla prova del tempo gli hanno consentito di proseguire ad esibirsi e di non allontanarsi dalle scene. 

Ora è tornato con un nuovo disco scritto tutto d'un fiato non appena l'ispirazione è tornata a baciarlo.

Il risultato? Undici nuove tracce in undici anni. La premessa è quella di andare a sentire un concerto di canzoni destinate a restare nei ricordi di tutti noi. 

Eccone una:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...