martedì 5 novembre 2013

Fabrizio Bosso in "Spiritual Trio" e Mietta e Dado Moroni in "Quando il jazz fa Pop! Accordi e disaccordi" il 21 Dicembre e il 18 Gennaio a Monopoli

Pochi giorni fa avevamo dedicato un post al concerto di Ron del prossimo 9 Novembre 2013 a Villa Carenza a Monopoli ma ancora prima delle fatidica data torniamo a parlare di questa splendida location che ospiterà il 21 Dicembre e il 18 Gennaio altri due concerti che, a nostro parere, saranno altrettanto imperdibili e da segnare in grassetto sulla vostra agenda:


Il primo evento è quello di Ron di cui avevamo già parlato.
Il 9 Novembre è vicino ormai e se non avete già preso i biglietti il consiglio è quello di affrettarvi e cliccare su questa riga. 

Ma ecco gli altri due concerti che giustificano questo post:


Il 21 Dicembre invece l'appuntamento sarà con uno dei più grandi interpreti del jazz contemporaneo in Italia: Fabrizio Bosso che si propone in trio con "Spiritual Trio" :
 ALBERTO MARSICO (organo hammond) e ALESSANDRO MINETTO (batteria) che dal 2008 lo accompagnano in questo progetto che partendo dalla Black Music arrivano fino al Gospel confezionando un concerto di Natale atipico e adatto a tutti gli amanti del jazz e della buona musica anticonvenzionale, un bel modo per calarsi nell'atmosfera Natalizia senza scadere nei classici e negli ormai commerciali motivetti usati nei jingle o in "jingle bells".


Se lo Spiritual Trio di Fabrizio Bosso ci avrà accompagnati nell'atmosfera Natalizia l'inconfondibile voce di Mietta ci darà il benvenuto nel 2014!


Il 18 Gennaio sarà la grande interprete pugliese ad aprire il nuovo anno con un concerto dal titolo che è tutto un programma:
"Quando il jazz fa Pop! Accordi e disaccordi"
Un progetto in cui Mietta collabora con Dado Moroni ad un curioso esperimento che coniugherà le doti di improvvisazione di uno straordinario pianista come Moroni a quelle vocali di una delle più belle e calde voci del panorama italiano che ha più volte dimostrato di poter interpretare con eguale risultato sia la musica pop che il jazz più raffinato. Ad accompagnare il volo immaginario dei due interpreti della musica ci sarà anche l'attore Alessandro Bergallo che con la prosa avrà il compito di gestire il filo conduttore che dal pop porterà al jazz passando per la musica napoletana e per la tradizione d’autore francese ricongiungendo generi così lontani tra loro.

Uno spettacolo che non può e non deve sfuggire agli appassionati della musica pugliesi.




*


0 commenti:

Posta un commento

Lascia il tuo commento a questo POST o, meglio ancora, la recensione allo spettacolo dopo che lo avrai visto!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...